Accattoni e abusivi, Serfilippi chiede l’intervento del sindaco: “Basta gente che chiede il ‘pizzo’ ad ogni angolo della città”

14 settembre 2018 // di // Comments

Fano (PU) – Si torna a parlare di accattoni e parcheggiatori abusivi e a farlo è il consigliere comunale indipendente Luca Serfilippi che si rivolge al sindaco Seri reo, secondo lui, di aver disatteso le promesse: “In città ci sono gli stessi problemi di un anno fa – scrive -. Decine di persone che assaltano i cittadini che parcheggiano o camminano lungo il corso cittadino, in particolar modo nei giorni di mercato con il parcheggio del Foro Boario e il Parcheggio di Viale Ceccarini che sono costantemente frequentati da immigrati”.

“Episodi sempre più preoccupanti e diffusi ormai in tutti i principali quartieri della nostra città, dal Centro Storico alla periferia. Chiedo nuovamente al sindaco, tramite un’interrogazione, di intervenire, per arginare definitivamente il problema, con un’ordinanza e con una costante sorveglianza da parte della Polizia Urbana. Basta girare la città per trovare ovunque extracomunitari: nei parcheggi, all’ingresso di supermercati, chiese, negozi, in qualsiasi luogo dove è maggiore il passaggio di persone alle quali chiedere l’elemosina o il ‘pizzo’”.

Stoccata poi anche per l’assessore alla legalità Samuele Mascarin: “Non ha mosso un dito – tuona Serfilippi -, anzi oltre a permettere questo fenomeno, continua a permettere anche occupazioni di immobili pubblici in modo abusivo (vedi lo spazio occupato da anni dal Grizzly). Mi auguro che con il nuovo ministro dell’interno Matteo Salvini, questi fenomeni di abusivismo ‘legalizzato’ vengano sempre di più condannati e repressi dalle istituzioni a tutti i livelli. Ora è bene che questa amministrazione di centro sinistra passi dalle parole ai fatti, siamo stanchi delle promesse, servono azioni concrete”.

“Al posto di vessare i cittadini e gli operatori con decine di migliaia di multe – conclude la nota – è bene che prenda di petto il tema della sicurezza e della legalità, e concentri il lavoro degli agenti di Polizia per estinguere il problema (magari anche con i famosi Vigili di Quartiere)”.