Centri anziani verso la riapertura: consegnati i kit di sicurezza

23 Giugno 2020 // di // Comments

Fano (PU) – Alcuni hanno riaperto da qualche giorno, altri lo stanno facendo in settimana. L’obiettivo dei Servizi Sociali è quello di mettere tutti nelle condizioni di poter alzare le saracinesche entro la fine del mese.

I centri ricreativi/sociali e club anziani sono stati e sono tuttora tra gli ultimi a poter riprendere le proprie attività e, quando lo faranno, sarà necessario rivedere la tipologia di queste ultime, almeno finché permangono le limitazioni, anche per quelle tradizionali come il gioco delle carte.

Dopo una riunione alla presenza del Sindaco e degli Assessori Tinti e Cucchiarini, in cui i referenti dei circoli si sono confrontati sulle limitazioni e sulle precauzioni da adottare in base alle linee guida regionali, si è convenuto di rivedere le iniziative in programma e soprattutto la necessità di mettere ogni circolo nelle condizioni di garantire la sicurezza ai propri associati.

E proprio in quest’ottica in questi giorni, nella sede della Proloco alla Cooperativa TrePonti, a tutti gli oltre 20 club del Comune di Fano, è stato consegnato un kit comprensivo di termoscanner, gel igienizzante, prodotti sanificanti, mascherine, contenitori, spugne, adesivi e cartellonistica indispensabile per la riapertura.

“Con i centri anziani e la Proloco – spiega l’assessore al Welfare di Comunità Dimitri Tinti – è attivo dall’inizio dell’anno il progetto di promozione della longevità attiva chiamato ‘Old but Gold’ il cui obiettivo, in origine, era quello di rivitalizzare e coordinare queste associazioni che erano e sono un valore aggiunto della città. La pandemia però ha imposto una rimodulazione delle attività visto che le linee guida regionali limitano alcune situazioni. I centri anziani non hanno comunque smesso di essere parte attiva della comunità e hanno riversato i loro sforzi mettendosi ulteriormente al servizio della cittadinanza durante l’emergenza, vedi l’acquisto di uova di Cioccolato de l’Africa Chiama o la realizzazione di dolci e torte salate con cui hanno omaggiato i volontari  o da ultimo le mascherine colorate prodotte per i bambini dei centri estivi”.

L’ultima attività, in ordine cronologico, è appunto la consegna di questo kit ai responsabili di ciascuna struttura: “Nelle scorse settimane – spiega Massimo Macor, presidente della Proloco – abbiamo incontrato i centri cercando, insieme ai Servizi Sociali, di recepire quali fossero le singole esigenze. Da questo confronto è emersa la necessità di dotare ogni struttura del materiale necessario alla riapertura così abbiamo deciso di destinare parte delle risorse accantonata per eventi come gare di briscola e feste da ballo per l’acquisto di questo materiale”.

Una volta che tutte le strutture avranno ripreso a pieno regime, Proloco e Servizi Sociali, sempre coordinati dai referenti dei centri Giorgio Falcioni e Sauro Berluti, hanno in cantiere due nuovi progetti sempre nell’ambito di “Old but Gold”: “E’ evidente – affermano i due – come queste limitazioni condizioneranno la vita dei circoli per diverso tempo. Ecco perché è fondamentale ripensare alcuni servizi anche sulla base delle abitudini che in questi mesi sono cambiate. Ecco perché crediamo che un corso di alfabetizzazione digitale possa essere utile e apprezzato dagli anziani che  mai come in questo periodo sono dovuti ricorrere al telefonino per mantenere i contatti. Insieme a questo vorremmo spronarli a riaprire vecchi album fotografici per creare un archivio che possa fungere da memoria storica per l’intera città, magari corredato da aneddoti da lasciare ai posteri”.