Fano Rugby

Fano Rugby, ottimi risultati dalle giovanili

13 febbraio 2017 // di // Comments

Fano (PU) – Una vittoria e una sconfitta. E’ questo il bilancio della domenica rugbistica fanese che ha visto scendere in campo le formazioni Under 14 e Under 18 dell’Asd Fano Rugby in due match delicatissimi che, seppur dal risultato finale diverso, sono stati lo specchio del buon lavoro che dirigenza e tecnici da anni svolgono per il settore giovanile.

La gioia più grande arriva da San Benedetto del Tronto dove l’Under 18 allenata da Giorgio Brunacci è scesa per disputare la prima giornata della seconda fase. In molti avrebbero potuto scendere in campo scoraggiati dal fatto che quella in cui ci si cimenta ora è il girone B, dopo che il girone A è sfuggito per solo un punto, ma non i rossoblù fanesi che, fatta eccezione per i primi minuti di assestamento, sono stati capaci di esprimere un Rugby con la R maiuscola portando a casa l’intera posta in palio.

I padroni di casa aprono e chiudono le danze, ma nel mezzo c’è tantissimo Fano in meta con Fulvi Ugolini (2), Corinti, Lotito e Rovinelli più tre trasformazioni e una meta tecnica che fissano il punteggio sul 10-36.

“Complimenti a tutti i ragazzi – ha detto a fine gara Brunacci -. Siamo riusciti ad esprimere un buon gioco e non poteva che andare bene la partita. Speriamo di ripeterci domenica prossima in casa contro Sulmona”.

Non conquista punti invece l’Under 14 del tandem Riccardo Sancilles-Nicola Bussaglia ma dà un messaggio forte al campionato: “Ci siamo anche noi”. Si perché la truppa fanese, impegnata nel derby interno contro Pesaro, ha saputo tener testa ad un avversario più esperto e forte fisicamente mettendolo addirittura sotto nella prima parte di gara.

Col passare dei minuti l’inerzia della gara prende la direzione di Pesaro prima della veemente reazione dei padroni di casa che con le tre mete in rapida successione nel finale fissano lo score sul 27-31. “Peccato per il calo mentale di inizio ripresa – commenta Sancilles -, potevamo vincere. Abbiamo tradotto sul campo tutti gli sforzi prodotti in allenamento. La strada è assolutamente quella giusta”.