Il Fano Rugby cala il tris. Battuta a domicilio anche la capolista

18 dicembre 2017 // di // Comments

Fano (PU) – Una personalità da far invidia a squadre di categoria superiore e un livello di gioco che lascia ben sperare per il futuro. Per il presente invece bisognerà che si incastrino diversi risultati nell’ultima giornata in programma per il 14 gennaio.

Ieri intanto, quello che doveva fare lo ha fatto il Fano Rugby andando ad espugnare il campo della capolista Polisportiva Abruzzo per 23-27 e conquistando i 5 punti che rendono ancora accesa, seppur flebile, la fiammella dei play off.

Con quelli conquistati a Chieti, infatti, il Fano è salita a quota 18 in classifica, a meno 5 dall’accoppiata Macerata e San Benedetto e quando di giornate al termine della prima fase ne manca solo una, c’è ancora la speranza di conquistare quel terzo posto che significherebbe play off, anche se, oltre a battere lo stesso San Benedetto in casa, Macerata dovrebbe perdere in casa contro l’ex capolista Polisportiva Abruzzo.

Queste comunque sono congetture, ciò che è certo, invece, è che i ragazzi Walter Colaiacomo e Franco Tonelli sono andati a Chieti vogliosi di fare risultato e ci sono riusciti grazie ad una prestazione encomiabile senza commettere in pratica sbavature. Avanti nel primo tempo per 13-15 grazie alle mete di Matteo Fulvi Ugolini, Marco Martinelli e Nicola Bargnesi, i rossoblù hanno legittimato la vittoria nella ripresa andando a segno ancora una volta con Riccardo Rossi e con lo stesso Bargnesi, meta questa trasformata da Marco Martinelli per lo score 27 finale. Due sole le mete dei padroni di casa, arrivati a 23 grazie alla realizzazione di 3 calci di punizione.

“Rischio di essere ripetitivo – spiega Colaiacomo – ma il campo mi sta dando ragione. Avevo detto che la squadra stava crescendo giorno dopo giorno e così è stato. All’inizio, vuoi per sfortuna e vuoi per ingenuità, non siamo riusciti a cogliere ciò che seminavamo, ora invece i risultati sono dalla nostra e in questo mese di pausa lavoreremo per arrivare preparati alla sfida del 14 gennaio consapevoli che forse non basterà una vittoria per disputare i play off, ma altrettanto convinti che il percorso intrapreso sia quello giusto e che così facendo potremmo toglierci delle belle soddisfazioni. Se non saranno play off pazienza, lavoreremo per salvarci nei play out il prima possibile e per far crescere ancora di più questo gruppo di cui sono orgoglioso”.