Il Fano Rugby va a Chieti per dimenticare Forlì e lanciare un messaggio al campionato

2 novembre 2018 // di // Comments

Fano (PU) – Dimostrare che la sconfitta di Forlì è stato solo un piccolo incidente nel percorso di crescita e lanciare un messaggio forte e chiaro al campionato: il Fano Rugby c’è e lotterà fino alla fine per conquistare i primi tre posti che significano play off. Giornata numero 4 nel campionato di C1 di rugby e Fano che si prepara ad affrontare la seconda trasferta consecutiva dopo che quella di 7 giorni fa in Emilia Romagna ha messo in evidenza alcuni limiti della formazione rossoblù, anche se al cospetto di Gabriele Breccia e compagni c’era la squadra più forte del girone e la candidata numero uno al salto di categoria.

Domenica prossima (inizio ore 14.30) ad attendere i ragazzi di Walter Colaicomo e Franco Tonelli a Chieti ci sarà la Polisportiva Abruzzo, squadra che ad oggi fa compagnia al Fano al secondo posto, dando di fatto alla sfida le caratteristiche del vero e proprio big match: una vittoria, infatti, vorrebbe dire mettere una seria ipoteca sulla disputa della poule promozione nella seconda parte di stagione costringendo al contrario la squadra sconfitta ad iniziare la rincorsa.

“Andiamo a Chieti ad affrontare una diretta concorrente per i play off – conferma Colaiacomo -. Rispetto alla sfida di Forlì recuperiamo vari elementi anche se anche in questo caso non saremo con la rosa al top. L’obiettivo è ovviamente dimostrare che le prime due vittorie consecutive in campionato non erano un caso e che ci siamo anche noi per giocarci l’accesso alla serie B”.

A completare il quadro della quarta giornata della poule 2 del girone E di C1 sono Anconitana-Rugby Macerata e San Benedetto-Forlì. La prima squadra è l’unica del team fanese a scendere in campo nel week end mentre hanno già detto la loro i piccoli del mini rugby che il primo novembre hanno partecipato a Pesaro al torneo “Ognissanti”. Terzo posto finale per la categoria Under 8 e ottime prove anche per i gruppi Under 10 e Under 12.