Francesca - Fiorenzo - Perla - Fabio

Mike & Fior va in pensione ma Villamarina continuerà con una nuova gestione

31 Ottobre 2020 // di // Comments

Fano (PU) – Mike &Fior oggi va in “pensione”. I titolari dello storico ristorante pizzeria di Fano hanno deciso di cedere l’attività e di godersi il tempo libero. Non c’entra il Covid, e nemmeno la crisi. E’ una scelta di vita. Legittima per chi ha dedicato 42 anni al mondo della ristorazione.

Nato nel 1978 a Centinarola, Mike & Fior è stato fondato da Fiorenzo Santini, Perla Ceccarelli, Michele Santini e Francesca Giammattei. Il successo è arrivato subito, visto che già dopo un solo anno di attività al team si è aggiunto Fabio Borgogelli che è presto diventato il volto riconoscibile della sala insieme a Fiorenzo. Mike & Fior per i fanesi è stato più di un semplice ristorante. E’ stato il luogo in cui festeggiare i compleanni, le comunioni e le cresime, battesimi e matrimoni. Il locale dove si andava a mangiare una pizza dopo un evento sportivo e dove per anni ha pranzato il Fano Calcio prima della partite casalinghe.

Un ristorante capace di lanciare la moda dei tortellini ppf (panna, prosciutto e funghi) e di squisite pizze ma, soprattutto, un ambiente confortevole in cui sentirsi come a casa. Dopo i successi di Centinarola quelli di Mike & Fior nel 1994 hanno deciso di accettare una nuova sfida trasferendosi al mare rilevando il ristorante Villamarina.

Inutile sottolineare che anche in questo caso il successo non è tardato ad arrivare con la totalità dei clienti che hanno seguito anche a Sassonia 3 Mike & Fior, dimostrando così le grandi capacità dei titolari nel mondo della ristorazione. Nel 2000 un piccolo momento di difficoltà quando Michele ha deciso di lasciare la società ma Perla e Francesca si sono rimboccate le maniche in cucina ed anche questo ostacolo improvviso è stato superato e l’attività è proseguita più florida che mai, complice anche una bellissima location immersa nel verde ed un parcheggio molto capiente.

Ma la vita del ristoratore, si sa, non è affatto semplice perché è fatta di tante rinunce, di poco tempo dedicato alla famiglia e di festività trascorse al lavoro. Così dopo 42 anni di attività Perla, Fiorenzo, Francesca e Fabio hanno deciso di andare in “pensione” e di dedicare un po’ di tempo alle loro vite private.

“Non è stata una scelta facile – raccontano in coro – perché questo lavoro fa parte oramai di noi. Abbiamo fatto tanti sacrifici ma abbiamo raccolto anche tante soddisfazioni. La voglia di staccare la spina però ha prevalso ed oggi che siamo ancora giovani abbiamo deciso di goderci quello che la vita avrà da offrirci”. Ma Villamarina non chiuderà definitivamente anzi, c’è già pronto un progetto di continuità per questo bel ristorante. “Ci piaceva l’idea di passare il testimone a qualcuno che fosse affidabile e del mestiere. Persone credibili e che sapessero continuare con capacità il nostro lavoro. Caratteristiche che abbiamo trovato in Martina Carloni ed Enrico Badei, due giovani che ci hanno presentato un bel progetto di ristorazione che ci è subito piaciuto. Due ragazzi ai quali auguriamo la stessa fortuna che ha accompagnato il nostro percorso”.

Martina Carloni ed Enrico Badei seppur giovani possono già vantare una lunga esperienza nel settore, acquisita nella gestione dell’Osteria Dalla Peppa, locale che propone una cucina tradizionale nel cuore del centro storico.

“Quando abbiamo saputo di questa opportunità – raccontano Martina ed Enrico – ci siamo proposti con grande umiltà e rispetto perché avevamo davanti dei grandissimi professionisti che hanno contribuito alla storia della ristorazione fanese. Raccogliere la loro eredità non sarà semplice ma possiamo garantire che faremo di tutto per continuare a rendere felici tutti i clienti di Villamarina”.

Oltre ad un naturale refresh del locale, che comunque non stravolgerà gli ambienti, Villamarina sarà comunque sempre una certezza per gli amanti della cucina. “Sarà un locale per famiglie dove si potranno mangiare ottimi piatti a prezzi accessibili per tutti ma avremo attenzione anche per il pranzo, con piatti veloci per chi è in pausa lavoro. Insomma, la proposta sarà trasversale e accontenterà tutti”.