Mondiale Superbike, Marco Gaggi: “Sono pronto a misurarmi in un contesto così prestigioso”

23 Giugno 2020 // di // Comments

Fano (PU) – Inizia finalmente a vedere la luce in fondo al tunnel Marco Gaggi, dopo che Dorna e Federazione Internazionale di Motociclismo hanno ufficializzato il nuovo calendario della stagione 2020 del Mondiale Superbike categoria Supersport 300. Il sedicenne pilota fanese accasatosi quest’anno al team spagnolo Grupo Machado-CAME SBK avrebbe dovuto esordire nella competizione iridata nel weekend del 28-29 marzo, ma per colpa del Covid-19 l’appuntamento inaugurale di Jerez de la Frontera è slittato più volte sino ad essere riprogrammato per l’1 e 2 agosto.

Nell’ultima versione del cartellone stagionale già stabiliti anche l’impegno dell’8 e 9 agosto a Portimao in Portogallo, quelli spagnoli del 29-30 agosto e 5-6 settembre ad Aragon e del 19-20 settembre a Barcellona, nonché del 3 e 4 ottobre sulla pista francese di Magny Cours.

Da confermare invece l’attesissimo evento del 7 e 8 novembre a Misano, mentre per il momento sono stati solamente ipotizzati due round in date da stabilire da parte dell’organizzazione da correre rispettivamente sui circuiti di Assen in Olanda e Donington in Gran Bretagna.

“Mi auguro davvero che non ci siano ulteriori rinvii – si auspica Marco Gaggi, in procinto di ripartire per la Spagna per affinare la propria preparazione a stretto contatto col capo-tecnico Josep Martinez Dias – Sia perché vorrebbe dire che si sta tornando alla piena normalità, che per la grande voglia che ho di debuttare ufficialmente in questa nuova ed entusiasmante avventura. Ogni spostamento per via della pandemia è stato una brutta botta e si stava insinuando il dubbio che si potesse andare addirittura verso un annullamento della stagione, ma io ho cercato di restare sempre sul pezzo allenandomi per quanto possibile come se si dovesse cominciare a gareggiare da un momento all’altro. Non vedo l’ora di misurarmi in un contesto prestigioso come quello del Mondiale, sperando anche che venga confermato l’appuntamento di Misano che per noi piloti italiani ha un fascino speciale”.