San Francesco, San Marco e Magic Sand. Fano si conferma la città dei Presepi

27 Dicembre 2019 // di // Comments

Fano (PU) –  Oltre 50 figuranti per un presepe vivente emozionante e coinvolgente che racconta la “Mezzanotte di Greccio”, vale a dire il momento in cui San Francesco abbraccia Gesù.

Lo splendido scenario del Bastione Sangallo è pronto ad ospitare per il secondo anno consecutivo La Pandolfaccia, associazione fanese ideatrice del Palio delle Contrade, che insieme alla “Parrocchia di Torrette” e all’associazione Bastione Sangallo, darà vita ad un presepe che nel 2018 contò oltre 1.000 visitatori.

Nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 dicembre, dalle 16 alle 19.30 sarà infatti possibile visitare gratuitamente “Il Presepe di San Francesco”, non il classico allestimento, bensì una rievocazione della nascita di Gesù che quest’anno assume un significato ancora più profondo dopo la Lettera Apostolica scritta da Papa Francesco nel quale il Santo Padre spiega l’importanza di quello che avvenne la notte del 25 dicembre a Greccio, nella valle Reatina dove San Francesco arrivò insieme a tanti altri frati e vide giacere Gesù nella mangiatoia riscaldato dal bue e l’asinello.

 “Così come lo scorso anno – spiega il presidente de La Pandolfaccia, Fabio Frattesi – attingeremo dalle fonti francescane cercando di ricostruire la scena nella maniera più fedele possibile. Oltre alla mangiatoia con Gesù bambino, il bue e l’asinello, si potranno ammirare gli antichi mestieri e l’emozionante momento dell’arrivo di San Francesco che prende in braccio il Bambinello”.

A guidare la scena, che sarà riproposta ciclicamente per la due giorni, sarà una voce narrante che accompagnerà i visitatori in un viaggio magico.

Quello di San Francesco è solo l’ultimo dei grandi allestimenti che fanno di Fano, anche quest’anno, la città dei presepi. Sabato 21 dicembre, infatti, ha aperto al pubblico le sue porte il Presepe di San Marco, allestito per il 17esimo anno consecutivo nelle cantine settecentesche cantine di Palazzo Fabbri dove Don Marco Polverari e Maurizio Romagnoli, insieme a tanti altri volontari, hanno ricostruito fedelmente quella che è la storia della Natività.

350 metri quadrati di superficie in un percorso di oltre 80 metri,  55 diorami e altri 10 in fase di allestimento che riproducono episodi biblici del Vecchio e del Nuovo Testamento,  oltre 200 statue in movimento di cui 70 pezzi unici, una media di 15mila visitatori all’anno.

Sono questi i numeri che fanno del Presepe di San Marco uno dei più bei presepi del Centro Italia, quest’anno impreziosito da due scene nuove: la riproduzione dell’antica piazza di Fano con teatro e torre campanaria e i Discepoli di Emmaus.

Il presepe di San Marco, che anche quest’anno ha ricevuto la visita di televisioni nazionali, sarà visitabile fino al giorno dell’Epifania dalle 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 19. Terminate le feste natalizie, sarà possibile ammirarlo tutte le domeniche fino alla Santa Pasqua dalle 16 alle 19 e successivamente nei mesi di luglio e agosto il venerdì, sabato e domenica dalle 20.30 alle 23.

A completare la “Via dei Presepi” è un’altra opera d’arte fortemente voluta lo scorso anno da Proloco e amministrazione comunale, il Magic Sand che anche quest’anno si sta rivelando una delle attrattive più visitate insieme alla Pista del Ghiaccio presa d’assalto ogni giorno da centinaia di bambini e ragazzi.

Il “Magic Sand”, il Natale tra i presepi di sabbia, è un piccolo regno incantato, formato da 6 sculture dorate alte circa 2.30 metri che al suo interno ospita 1200 quintali di sabbia, sabbia che si è poi tramutata in arte, grazie a Roberto Mancini, Mario Vittadello e Ornella Scrivante.

I tre artisti, in piazza Amiani, sono riusciti a creare una composizione armonica e d’impatto dove è ben riconoscibile l’Annunciazione, la Natività, la Stella Cometa e tante altre rappresentazioni.

25mila i visitatori lo scorso anno, numero destinato quest’anno ad aumentare. Il Magic Sand è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 20 (sabato e domenica anche dopo cena).

Il Natale Più dunque continua a regalare alla città momenti emozionanti e caratteristici di questo periodo dell’anno, in attesa di altri due grandi appuntamenti: il capodanno in piazza XX Settembre e la grande festa dell’Epifania.