Scogliere al Bersaglio, M5S: “Saranno pronte per l’estate?”

6 Marzo 2020 // di // Comments

Fano (PU) – L’emergenza Coronavirus ha distolto un po’ l’attenzione su tanti altri aspetti, come quello che tra due mesi e mezzo inizia la stagione balneare. Al netto delle problematiche relative al turismo che questa situazione mondiale sta creando, c’è da risolvere, a Fano, anche la questione scogliere.

Con determinazione n. 99 del 14 gennaio 2020, si è provveduto all’aggiudicazione definitiva dell’appalto dei lavori complementari dell’intervento “Rifiorimento delle scogliere soffolte e costruzione scogliera emersa nel tratto di costa compreso tra il porto di Fano e Baia Metauro. “L’appalto – fanno notare i consiglieri comunali del M5S – comprende la realizzazione di un nuovo setto di scogliere emerse e l’innalzamento di quelle sommerse esistenti presso l’area del Bersaglio, ex pista dei go kart. L’articolo 17 del capitolato speciale d’appalto stabilisce che il tempo utile massimo per dare completamente ultimati i lavori è 120 naturali e consecutivi decorrenti dalla data del verbale di consegna lavori. Secondo alcune indiscrezioni – continuano i grillini – sembrava che la consegna dei lavori dovesse tenersi lo scorso 20 febbraio ma così non è avvenuto. L’esecuzione dei lavori oggetto di tale appalto assume carattere d’urgenza, in vista dell’approssimarsi della stagione balneare per contrastare il grave fenomeno dell’erosione”.

Il tema, attraverso un’interrogazione, sarà portato in discussione al prossimo consiglio comunale. “Chiediamo – conclude la note – se e quando sia stato stipulato il contratto con la ditta aggiudicatrice, se e quando l’amministrazione abbia provveduto alla consegna dei lavori e se, in caso di risposta negativa alle precedenti domande, per quali motivi non si sia ancora proceduto in tal senso”.

Ovvio poi che diventa di fondamentale importanza sapere quando avranno effettivamente inizio i lavori e quando termineranno e se la ditta aggiudicatrice abbia provveduto o intenda provvedere al subappalto e se verrà garantita la protezione della porzione di litorale nord della Sassonia interessata dall’appalto entro l’inizio della stagione balneare”.