Alma, Carnevale e Comune uniti per la promozione della città

by / Comments / 101 View / 10 Ottobre 2019

Fano (PU) – La prima squadra sportiva, la manifestazione più importante e il Comune uniti nella promozione della città. Nasce una collaborazione tra l’Alma Juventus Fano, l’Ente Carnevalesca e l’amministrazione comunale che, questa mattina, hanno presentato la maglia ufficiale della squadra di Lega Pro dove, come main sponsor, appare il City Brand della città con la scritta Carnevale di Fano.

“Unire le forze di tre realtà diverse per un unico obiettivo – ha commentato il sindaco Massimo Seri -, quello di promuovere la nostra splendida città. Fano, essendo un comune virtuoso, può permettersi sponsorizzate di questo tipo e quindi abbiamo deciso di mettere City Brand e Carnevale come sponsor principale dell’Alma”.

“Siamo davvero felici di questa collaborazione – hanno sottolineato la presidente dell’Ente Carnevalesca Maria Flora Giammarioli e il direttore artistico Daniele Carboni -, rapporto che non si limiterà solamente al logo sulla maglia, ma ovviamente abbiamo già pronti vari striscioni da affiggere allo stadio (da portar anche in trasferta), il Vulòn, materiale informativo e tanto altro. Inoltre durante il periodo del Carnevale, oltre a far sfilare la squadra, magari su di un carro, organizzeremo di certo diversi momenti insieme”.

“Un’occasione di promozione anche nazionale – hanno aggiunto l’assessore alla Cultura, Caterina Del Bianco e l’assessore al Turismo, Etienn Lucarelli -, poiché la Lega Pro passa anche su reti spotive che vanno fuori regione, soprattutto durante i servizi sugli highlights”. “Da quando sono arrivato, mi sono sentito subito a casa – ha concluso il Direttore Sportivo, Simone Bernardini -. Una città viva e bellissima e una squadra di calcio rivoluzionata che grazie anche al grande lavoro del Mister, quest’anno può fare bene. L’Alma Juventus dispone anche di una grande settore giovanile, basti pensare che il weekend scorso, ben 4 osservatori della Serie A, erano presenti alla partita della Beretti”.