Così piccolo e così vincente, l’amministrazione premia Riccardo Campanelli

28 Giugno 2019 // di // Comments

Fano (PU) – Il passato glorioso fatto di successi e titoli nazionali e internazionali fa della bocciofila San Cristoforo una delle realtà più conosciute e stimate dello stivale, il presente, ma soprattutto il futuro, hanno le sembianze di Riccardo Campanelli, 16enne destinato a scrivere la storia di questa disciplina. Nell’anno del 50esimo anniversario dalla fondazione, il sodalizio ora presieduto da Paolo Marchionni ha trovato il suo degno testimonial che a suon di vittorie sta portando il nome della società in giro per l’Italia.

Non solo quello della bocciofila ma è anche il nome di Fano a girare la penisola e per questo motivo questa mattina il sindaco Massimo Seri e l’assessore allo Sport Caterina Del Bianco, hanno voluto premiarlo per i risultati ottenuti e per quelli che, ci si augura, arriveranno, a cominciare magari già da domani quando in programma c’è una gara giovanile organizzata proprio dalla bocciofila San Cristoforo al Circolo Le Fontanelle (via Giannone) o magari da fine agosto quando a Perugia Campanelli si giocherà il titolo italiano juniores. Il non ancora 16enne (li compirà il primo settembre) è il detentore del titolo italiano del tiro di Precisione conquistato a Jesi il 6 maggio 2018 dove ha conquistato 39 punti sui 40 disponibili, e nella stagione che si sta per concludere  ha ottenuto 4 primi posti, 3 secondi e 2 terzi sia a livello giovanile dove gareggia nella categoria Under 18 (da 16 a 18) sia a livello seniores. Iscritto al secondo anno dell’istituto Agrario Cecchi di Pesaro, Campanelli ha preso le prime bocce in mano all’età di 11 anni e non le ha mai mollate grazie anche alla guida di Giovanni Iacucci, fanese anche lui pluricampione italiano della bocciofila San Cristoforo, che ha preso Campanelli sotto la sua ala protettrice affinandone la tecnica e le tattiche di gioco.

Il momento clou della stagione il giovane bocciofilo di San Cristoforo lo ha vissuto nelle ultime tre settimane dove è stato capace di vincere ben 20 partite consecutive che l’hanno portato a conquistare la medaglia d’oro alla gara individuale seniores di Riccione (8 giugno), a quella di Cattolica (15 giugno) e la medaglia d’argento a quella organizzata dall’Isauro Soria di Pesaro lo scorso 23 giugno. Da sottolineare che alle gare di Cattolica e Riccione, Campanelli ha superato in finale giocatori di categoria A. In precedenza, in coppia con Giuseppe Delvecchio, atleta e consigliere della bocciofila San Cristoforo, Campanelli aveva vinto la gara di Riccione (2 marzo), quella di Cagli (13 aprile) e si era piazzato terzo a quella di Montegridolfo (Rimini).

A livello giovanile, dove di frequente si trova di fronte ragazzi con ben più esperienza di lui, ha saputo mettersi al collo la medaglia d’argento alle gare di Loreto e Porto Recanati e quella di bronzo a Lucrezia. Infine, nelle competizioni a squadre, Campanelli con la formazione di categoria C della bocciofila San Cristoforo, è arrivato fino alla finale provinciale del campionato italiano a squadre di società.