Loyalty marketing: un affare non solo digitale

23 Agosto 2019 // di // Comments

Cos’è il “loyalty marketing”?

Tutte le strategie di marketing che hanno come finalità la fidelizzazione del cliente.

Cos’è la “fidelizzazione”?

La strategia che consiste nel rendere i clienti fedeli al proprio brand.

Dopo averli convinti ad acquistare, è imprescindibile “tenerseli stretti”; fare in modo che siano costantemente soddisfatti e non “tradiscano” il marchio con la concorrenza. Per fare ciò le aziende hanno cominciato a sponsorizzare anche ideali; ad essere vicini al cliente sempre, utilizzando tutti i metodi a disposizione, a trattarlo come un “amico”, instaurando un rapporto che prescinde la relazione tra venditore e compratore.

L’era digitale, in tutto questo, ci ha indubbiamente messo del suo.

Secondo i rapporti di We are Social (in collaborazione con Hootsuite), gli italiani passano su internet circa 6 ore al giorno, la maggior parte delle quali da smartphone, e sui social.

Questo significa avere la rete sempre a portata di mano; e le aziende hanno dunque cominciato ad essere sempre più presenti sul web: siti, applicazioni, pagine Facebook, Instagram, Youtube. Post, dirette, campagne, organizzazioni di eventi, tanti sono -grazie all’era digitale- i modi per coccolare i clienti nel tentativo di mantenerli sempre fedeli al proprio brand. Tra questi anche i numerosi sconti, offerte e promozioni riservati soltanto a chi acquista online.

Eppure molte sono le aziende che decidono ancora di puntare tutto sul loyalty marketing legato a metodi “tradizionali”; perché il target è più ampio, e non riguarda solo i nostalgici bensì anche tutti coloro che non fanno largo uso del digitale.

E allora ecco restare in voga metodi come il sempreverde omaggio aziendale, amato da tutti, dalla notte dei tempi.

Il gadget aziendale ha una duplice funzione: quella di fidelizzare il cliente tramite un utile dono di uso quotidiano e quella di pubblicizzare logo, marchio e contatti del brand in questione, destinato a girare finché l’oggetto continua a girare. Calendari, cappellini, ombrelli, magliette, o, ancora, l’oggetto in assoluto più amato dal consumatore: l’agenda.

Come stampare il proprio gadget aziendale

Stampare i propri gadget non è mai stato così facile, proprio grazie all’era digitale. Tutto quello che occorre è una connessione a internet e un po’ di creatività. Nell’ultimo caso citato, ad esempio, vediamo più nel dettaglio come stampare delle agende personalizzate online.

Basta collegarsi al sito in questione, cercare la sezione “Agende” e da lì, ancora, la sezione di interesse, a seconda se si vogliano creare delle agende di dimensioni normali oppure tascabili. Una volta cliccato sulla voce desiderata, spazio alla creatività. Si può scegliere tra agende settimanali, giornaliere, planning normali e da tavolo, agende a borsello, a cartella, a portafoglio e poi ancora il colore, la grafica per la stampa e molti altri dettagli facilmente ottenibili grazie alle grafiche abbastanza intuitive dei siti.

Una volta creata la propria agenda, basta inserire il numero di copie desiderate e -se il preventivo che appare in automatico è di nostro gradimento- procedere all’acquisto tramite carta di credito, Paypal, bonifico bancario o contrassegno.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti, sui pagamenti proprio come sulle creazione del gadget.

Che arriverà tramite corriere nell’arco di pochissimi giorni.

E per finire, per qualsiasi problema nella navigazione del sito e nella realizzazione del gadget, c’è il numero di assistenza sempre a disposizione.

Siete ancora sicuri che il loyalty marketing, al giorno d’oggi, sia un affare solo digitale?