Carabinieri

Non accetta la separazione e pesta a sangue l’ex moglie davanti ai figli

8 Luglio 2019 // di // Comments

Cantiano (PU) – Non accettava la separazione dalla moglie ne tantomeno che la donna stesse con un altro uomo e così dopo minacce e provocazioni, le è piombato in casa nel cuore della notte pestandola a sangue. Stessa sorte è toccata al nuovo compagno che però è riuscito a reagire evitando la tragedia e facendo desistere l’uomo.

Il violento fatto di cronaca è accaduto la scorsa notte a Cantiano, protagonista un 45enne del posto che dopo essere stato rintracciato dai carabinieri è stato arrestato e introdotto nel carcere di Pesaro.

La coppia si era sposata nel 2005 e fin da subito l’uomo aveva mostrato la sua indole violenta. La donna aveva cercato di giustificarne il comportamento legandolo allo stato depressivo in cui era crollato a seguito di un grave infortunio. In realtà l’indole violenta aveva sempre caratterizzato l’uomo tanto da aver collezionato in gioventù diverse denunce e querele per aggressioni ed atti ostili. Dal rapporto erano nati due figli ma nemmeno la loro presenza aveva mai limitato l’uomo nel percuotere edenigrare la moglie. Nel 2016 la donna, esausta, decide di separarsi. La reazione è violenta e l’uomo incorre nei primi provvedimenti giudiziari finché nel 2017 la donna scappa da casa per poi chiedere la separazione legale. Non è semplice in quanto l’uomo strumentalizza i contatti con i figli per continuare a controllare le abitudini della moglie. Il solo sospetto di una nuova frequentazione lo fa esplodere di rabbia.

E proprio la collera lo ha portato nel cuore della notte ad entrare nel garage dell’abitazione dell’ex moglie, a  staccare la luce, a forzare la porta di ingresso con un cacciavite ed aggredire violentemente con un tondino di ferro la donna e il nuovo compagno. Anche in questo caso la presenza dei figli minori non ha impedito all’uomo di portare a termine la violenta aggressione che ha provocato nelle vittime ferite e lacerazioni guaribili in entrambi i casi in trenta giorni.

Chiamati i soccorsi, mentre i sanitari praticavano le prime cure ai malcapitati, i militari della stazione di Cantiano ricostruivano la vicenda districandosi tra mobili rotti e schizzi di sangue. Immediatamente iniziavano le ricerche dell’uomo che faceva perdere completamente le sue tracce.

I militari hanno raccolto la denuncia della donna la quale ha riepilogato anni di denigrazioni, umiliazioni e percosse, spesso taciute per timore di ulteriori conseguenze. Al termine delle indagini la Procura di Urbino ha richiesto una misura cautelare prontamente disposta dal GIP del Tribunale di Urbino.