La sede della Provincia di Pesaro e Urbino in via Gramsci a Pesaro

Provincia, si lavora per ricostruzione del Nolfi “ex Carducci”

1 Ottobre 2019 // di // Comments

Fano (PU) – Sono tornati a scuola ieri gli studenti del Nolfi, in un plesso che dopo essere stato dichiarato inagibile i primi di settembre, è stato messo in sicurezza in tempi record. Questo perché la Provincia ha stanziato 240mila euro per lavori di somma urgenza che ieri sono stati ratificati dal consiglio provinciale che ieri si è riunito per l’approvazione del debito fuori bilancio.

In apertura del consiglio, la vice presidente Chiara Panicali ha fatto il punto della situazione riguardo al “Nolfi” e “Nolfi ex Carducci” di Fano e al “Raffaello” di Urbino, evidenziando come, grazie agli sforzi fatti dalla Provincia e dalle altre istituzioni, l’inizio dell’anno scolastico abbia avuto per gli studenti un ritardo contenuto.

“Sono in via di definizione – ha detto – anche le fasi successive per la ricostruzione dei due edifici ed a metà ottobre verrà convocato un nuovo consiglio provinciale proprio per confrontarci su questo”.

Ha quindi ringraziato la minoranza per aver garantito lo svolgimento del consiglio provinciale. La seduta, come fatto notare dalla capogruppo della lista “Cambiamo Pagina” Margherita Mencoboni,è stata infatti “resa possibile grazie alla presenza in aula dei consiglieri di minoranza, che hanno garantito il numero legale”, mancando diversi consiglieri di maggioranza. “Il gruppo di centrodestra – ha detto la Mencoboni – rimane per senso di responsabilità nei confronti dei cittadini della provincia. Di solito quando manca la maggioranza si rinvia il consiglio, ma questa volta ci sono importanti scadenze da rispettare, che riguardano le problematiche delle scuole ed in questo caso degli studenti del Nolfi e delle loro famiglie”.

L’approvazione del debito fuori bilancio ha visto l’astensione dei consiglieri di “Cambiamo pagina”, i quali hanno però votato a favore dell’immediata eseguibilità per rendere possibile l’avvio delle procedure di attivazione del mutuo con cui la Provincia coprirà la spesa di 240mila euro per il “Nolfi.