Sostenere il minore e riabilitare le famiglie, a Fano degli incontri sull’affido familiare

16 Gennaio 2018 // di // Comments

Fano (PU) – Un percorso di orientamento e informazione per cercare di coinvolgere sempre di più le persone e le famiglie all’accoglienza familiare. E’ questo l’obiettivo del ciclo di incontri organizzato da Ats 6 Comune capofila Comune Fano – Asur AV1  Distretto Sanitario  Fano – Ats 7 Comune Capofila Fossombrone, Famiglie per l’accoglienza regione Marche Onlus – Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII – Diocesi di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola – Associazione Cante di Montevecchio onlus – Azione Cattolica Italiana diocesi Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola Associazione “Marco Cardoni” – Associazione Consultorio “La Famiglia”, che prenderanno il via sabato 20 gennaio nei locali del Centro Pastorale Diocesano (Via Roma 118) che ospiterà poi anche i successivi tre previsti per il 17 febbraio, 3 e 18 marzo.

Nel 2016, nei comuni dell’Ats 6, 44 sono stati i minori dati in affido a delle comunità educative e 19 quelli che invece sono stati temporaneamente sistemati in altre famiglie, ecco perché occorre informare in maniera capillare su cosa sia l’affido “perché – ha sottolineato il coordinatore dell’Ats 6, Riccardo Borini –  la gente non fa se non sa e quindi per questo abbiamo creato un laboratorio dove abbiamo coinvolto diversi soggetti per dare tutte le informazioni necessarie a quelle famiglie che intendono aprirsi all’accoglienza familiare”.

L’obiettivo dei soggetti coinvolti in questo percorso non è solo quello di trovare una famiglia al quale affidare temporaneamente il minore una volta percepita la difficoltà all’interno del proprio nucleo famigliare, ma anche quello di sostenere e riabilitare le famiglie d’origine per far si che il ragazzo possa poi tornare serenamente all’interno delle proprie mura domestiche.

Le famiglie interessate saranno sottoposte a dei colloqui con un’apposita equipe che ne valuterà l’idoneità a svolgere sia il ruolo di affidataria completa (per il quale una legge regionale prevede un indennizzo mensile di circa 500 euro) o semplicemente quello di “appoggio” o “affido preventivo” ovvero l’accoglienza graduale che può essere di qualche giorno a settimana o di qualche ora giornaliera.

Materiale informativo sull’iniziativa è stato distribuito da giorni in scuole, parrocchie e oratori. Per saperne di più sull’affido e sugli incontri stessi è possibile contattare i seguenti recapiti: 3934688129,  3391718351, 0721 887481-482.  www.ambitofano.it e FB ambito6sociale.

Il tema del 1° incontro è: “Perché l’Affido Familiare? Come si attua?” e prevede il saluto di Marina Bargnesi – Presidente del Comitato dei Sindaci dell’A.T.S. 6 Comune capofila Fano e Riccardo Borini – Dirigente dell’A.T.S. 6.Interverranno: Giacomo Furlani, giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni delle Marche, di Adriana Antognoli Responsabile U.O. minori e famiglia Comune di Fano e una famiglia con esperienza di affido familiare.